PENSIONI: BILLE', NON C'E' PIU' TEMPO PER ALTRE ATTESE
PENSIONI: BILLE', NON C'E' PIU' TEMPO PER ALTRE ATTESE

Cernobbio (Co), 31 mar. - (Adnkronos) - ''Una riforma del sistema pensionistico che affronti, in modo adeguato, il problema del sempre piu' rapido invecchiamento della nostra popolazione''. A chiederla e' il presidente della Confcommercio Sergio Bille' secondo il quale, aprendo oggi a Cernobbio una tre giorni di convegno sui protagonisti del mercato e sugli scenari per gli anni 2000, tale riforma ''avrebbe dovuto essere fatta gia' un anno fa. Ora non c'e' piu' tempo per ulteriori attese''.

''Le date per una verifica del sistema cambiano di continuo -ha sottolineato Bille'- e la verita' e' che si tratta di un problema troppo grosso, importante ed urgente per essere legato solo ad umori, scadenze, e opportunita' di tipo elettorale. Gli analisti ci dicono che nel 2041 meta' della popolazione italiana, ridotta da 57 a 48 milioni, dovra' mantenere l'altra meta' che avra' raggiunto ormai l'eta' della pensione. I casi a questo punto sono soltanto due -ha avvertito Bille'- o chi lavora riuscira' a raddoppiare il suo reddito, cosa che mi sembra improbabile, o redditi e tenore di vita finiranno per essere dimezzati''.

(Ros/Pn/Adnkronos)