NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Londra. Un agente di polizia britannico si e' tolto la vita con la pistola di servizio dopo che una collega lo aveva denunciato per comportamento antiparitario. Il caso era stato archiviato dai superiori per ''insufficienza di prove'', ma Constable Paul Wilkinson, 37 anni, sarebbe dovuto comparire in giudizio nell'aula di un tribunale civile nei prossimi mesi.

Phnom Penh. La polizia di Phnom Penh ha aperto il fuoco contro un gruppo di operai in sciopero ferendo una donna di 22 anni. La mobilitazione dei lavoratori dell'industria dell'abbigliamento del paese e' cominciata due giorni fa con dimostrazioni alle quali hanno preso parte oltre 10 mila lavoratori.

Washington. Riflettori puntati su George Bush. L'America e' in attesa di sapere se il governatore del Texas e aspirante presidente degli Stati Uniti concedera' o meno la grazia entro le 12 ora locale di oggi a Gary Graham, l'uomo di colore, condannato alla sedia elettrica per omicidio di primo grado in base alla deposizione di un unico presunto testimone oculare.

Wellington. Il primo ministro delle Figi e altri 30 membri del suo governo si trovano ancora in ostaggio dei ribelli armati dopo la rottura la scorsa notte dei negoziati avviati per il rilascio. Lo ha riferito la radio nazionale neozelandese precisando che il parlamento di Suva, preso d'assalto il 19 maggio scorso, e' ancora occupato.

Teheran. Diritti umani, terrorismo, traffico di droga, disarmo, sono stati fra gli argomenti affrontati a Teheran fra le delegazioni dell'Unione Europea e dell'Iran, nell'ambito del quinto round del dialogo avviato fra le parti. Per parte europea la delegazione era guidata dal sottosegretario agli esteri portoghese Francisco Manuel Seixas de Costa, mentre l'Iran era rappresentato dal sottosegretario agli Esteri Morteza Sarmadi. Nei colloqui, che si sono svolti ieri, si e' parlato anche del processo di pace in Medio Oriente, le sanzioni all'Iraq, la situazione in Afghanistan e Cecenia. Sul piano economico e' stata esplorata la possibilita' di una piu' ampia cooperazione nei settori dell'energia, i trasporti e la protezione dell'ambiente. L'Iran chiede fra l'altro alla Ue sostegno alla sua posizione in favore di un'equa ripartizione delle risorse del mar Caspio fra i cinque stati litoranei: lo stesso Iran, Azerbagian, Kazakhstan, Russia, Turkmenistan. (segue)

(Sin-Bis/Idb/Adnkronos)