GIUSTIZIA: FASSINO, ANCORA LONTANI DA CIVILTA' CARCERARIA (2)
GIUSTIZIA: FASSINO, ANCORA LONTANI DA CIVILTA' CARCERARIA (2)

(Adnkronos) - A questa strategia di risposta, il governo ''sta lavorando muovendosi in piu' direzioni. In primo luogo -ha spiegato Fassino- realizzando una politica di circuiti differenziati, distinguendo tra reati che richiedono il carcere e altri comportamenti illeciti che possono essere puniti con forme non detentive di pena e di sanzione e, all'interno del sistema penitenziario, differenziando gli istituti di pena e la loro organizzazione per tipologia di detenuti e di reati. E' una scleta gia' avviata, che vogliamo consolidare a partire dall'estendere il circuito dedicato ai tossicodipendenti a cui vanno offerte, sulla base di una scelta volontaria, opportunita' terapeutiche''.

Fassino ha fatto poi riferimento alla necessita' di ''un vero e proprio piano regolatore dell'edilizia penitenziaria che non solo ponga rimedio alle piu' evidenti condizioni di fatiscenza ma ripensi il carcere, la sua organizzazione, il suo rapporto con il territorio e con cio' che sta intorno e fuori. Per questo abbiamo varato un pacchetto di 160 miliardi per la costruzione di tre nuove carceri e interventi edilizi, di ristrutturazione e molti altri''. Quanto all'adeguamento degli organici, Fassino ha ricordato l'avvio delle procedure per assumere 1.200 educatori e 1.500 nuovi agenti di polizia penitenziaria.

(Mac/Gs/Adnkronos)