NUOVO ULIVO: MASTELLA A VELTRONI, BASTA LACRIME O... (2)
NUOVO ULIVO: MASTELLA A VELTRONI, BASTA LACRIME O... (2)
AMATO SE NE STRAFOTTA DELLE BEGHE, VADA IN PIAZZA NON ALL'ASPEN

(Adnkronos) - Per Mastella, il punto e' che la sinistra ''non e' piu' capace di parlare alla propria gente. Quando doveva dire qualcosa di progressista, D'Alema chiedeva la riforma delle pensioni. Logico che molti operai e pensionati abbiano cominciato a pensare: ma questo e' quello che ho votato?''.

Ma anche per Amato c'e' un suggerimento esplicito: ''Si liberi una buona volta del complesso di Craxi, smetta di pensare da braccio destro e vedremo se ha le qualita' del leader di riferimento''. L'attuale premier, per il segretario dell'Udeur, ha almeno una delle caratteristiche che gli possono aprire la strada della premiership: ''Serve un candidato -dice infatti- a cui Berlusconi non possa rinfacciare un passato comunista. E' essenziale perche' in Italia, nella contrapposizione destra-sinistra, vince la destra. Percio' D'Alema era un candidato debole, mentre ad Amato Berlusconi non puo' rimproverare niente''.

L'Udeur e' pronto alla battaglia del 2001 ma solo a certe condizioni. ''Noi in vendita? Sono dicerie, menzogne -risponde Mastella- Molti dei miei sono sottoposti a una corte serrata da parte del Polo Ma solo un certo Fronzuti ha ceduto. Certo, a settembre tratteremo tutto con il centrosinistra: non solo il premier, ma anche i collegi. E, sia ben chiaro, per i nostri uomini non ci accontenteremo delle seconde scelte...''.

(Pnz/Pn/Adnkronos)