NUOVO ULIVO: MASTELLA A VELTRONI, BASTA LACRIME O...
NUOVO ULIVO: MASTELLA A VELTRONI, BASTA LACRIME O...
SINISTRA TIRI FUORI ATTRIBUTI O LI MANDO AL DIAVOLO

Roma, 22 giu. (Adnkronos) - ''Veltroni? Intanto, cominci a tirare fuori le palle. Basta co' sto buonismo. A certi livelli la politica impone decisioni chiare, capacita' di guida, autorita' morale. Non inutili piagnistei. Questi ex comunisti sono passati dalle bombe lacrimogene alle lacrime...''. ''Amato? Se ne strafotta di noi, delle beghe del centrosinistra. Parli direttamente alla gente. Frequenti meno i salotti e vada a giocare a scopone nelle piazze dei paesi. Imparera' sicuramente sugli italiani piu' cose li' che alle riunioni dell'Aspen...''. Va giu' duro Clemente Mastella, intervistato dall'Espresso, nel distribuire consigli agli alleati.

''Fazio? Se ci stesse, sarebbe il candidato di tutti -dice ancora il segretario dell'Udeur- Ma se non vuole e' inutile inseguirlo. Bazoli invece no. Non mi piace questo cattolicesimo bresciano, penitenziale e mai sorridente. Oggi devi saper sorridere, non perche' la situazione sia divertente, ma perche' l'ottimismo e' un linguaggio e la gente vuole vedere facce allegre, non volti cupi e silenziosi...''. A parte i giudizi sulle persone, il bersaglio di Mastella e' la sinistra. ''Nei Ds -dice- ci sono grosse divisioni. C'e' chi si augura che Veltroni perda le elezioni cosi' verra' un altro al suo posto. E non capiscono che, se la sinistra perde, va all'opposizione per altri vent'anni e il centro si autonomizza, va per conto suo''.

E' l'ultima volta, dice infatti il segretario dell'Udeur, che centro e sinistra si muovono insieme. ''Gliel'ho detto a Veltroni e ai suoi amici -afferma- se siete rassegnati, se mangiate la sconfitta, io vi mando al diavolo, faccio una cosa diversa, ipotizzo il terzo polo... Ma nel baratro non mi ci trascinate''. (segue)

(Pnz/Pe/Adnkronos)