STRAGI: ANGIUS, RELAZIONE NON PUNTAVA A POLEMICA POLITICA
STRAGI: ANGIUS, RELAZIONE NON PUNTAVA A POLEMICA POLITICA
LA STORIA VA RILETTA, NON CAPISCO I TURBAMENTI

Roma, 22 giu. (Adnkronos) - ''Non credo che i colleghi della commissione Stragi avessero alcuna intenzione di sollevare polemiche o di utilizzare una vicenda di tanto tempo fa per una polemica politica immediata''. Lo afferma il capogruppo dei Ds al Senato Gavino Angius che interviene per commentare le reazioni del centro destra, e in particolare degli esponenti di An, sulle tesi contenute nel dossier sulle stragi e la strategia della tensione. ''C'e' un passato della storia d'Italia che e' stato tragico e terribile e che va letto con un'assunzione di responsabilita' da parte di tutti. Non si tratta di rinnegare il passato -sottolinea Angius- ma esercitare una critica questo si', per cambiare pagina e guardare avanti''.

''Cosi' come credo che siano sbagliate certe posizioni che dal Polo sono venute sul giudizio della storia, per esempio rispetto al ruolo che hanno avuto la sinistra e il Pci, con una lettura stravolgente della vicenda storica, cosi' altrettanto penso che sbagliato sarebbe se qualcosa di analogo avvenisse da sinistra: non e' questo il nostro intendimento. Le stragi ci sono state, non sono un'invenzione della propaganda dei Ds, con centinaia di morti, migliaia di indagati e pochi responsabili individuati. Questa -conclude Angius- e' la storia del nostro paese. Non capisco i turbamenti di oggi''.

(Pol-Ruf/Zn/Adnkronos)