STRAGI: FINI, DS? TESI MISEREVOLE, AN NON HA NULLA DA RECIDERE (2)
STRAGI: FINI, DS? TESI MISEREVOLE, AN NON HA NULLA DA RECIDERE (2)
SONO LE STESSE CONCLUSIONI DEI TERRORISTI DEGLI ANNI '70

(Adnkronos) - ''Vogliamo soprattutto invitare le forze politiche -dice il presidente di An- a riflettere sulla inaudita gravita' della tesi diessina che nel che nel 2000 definisce le stragi 'di Stato e atlantiche' esattamente come facevano i gruppi terroristici eversivi di destra e di sinistra nel decennio '70-'80. I Ds sono un partito di governo che ha espresso fino a pochi mesi fa il presidente del Consiglio e che rilegge le vicende tragiche e misteriose dello stragismo con l'ottica della 'guerra americana all'Italia per impedirle di autogovernarsi' ed addirittura sostiene, con il senatore Pellegrino, che 'tutto il ceto dirigente che ha governato l'Italia nella prima Repubblica e' politicamente responsabile di cio' che e' accaduto''.

''La condanna morale e politica -continua il leader di An- non e' piu', come fu per Gladio, solo per il presidente Cossiga. E' per tutti coloro che negli anni della guerra fredda erano anticomunisti. In primis democristiani e socialisti (che vuol dire 'anticomunismo di Stato'?). Hanno nulla da obiettare coloro tra questi che oggi sono alleati dei Ds? Si sentono davvero tutti responsabili politicamente delle stragi? Il ministro della Giustizia Fassino, presente alla conferenza stampa, condivide il documento del suo partito? E in questo caso, cosa ne pensano il presidente del Consiglio Amato e il ministro degli Esteri Dini?''.

(Rao/Pn/Adnkronos)