USTICA: IL GIALLO DEL MIG LIBICO RITROVATO VENT'ANNI FA
USTICA: IL GIALLO DEL MIG LIBICO RITROVATO VENT'ANNI FA
UN MISTERO MAI RISOLTO, FORSE LA CHIAVE DELLA STRAGE?

Roma, 18 lug. - (Adnkronos) - Il 18 luglio di vent'anni fa, a Timpa delle Megare, frazione di Castelsilano in Calabria, venne ritrovato un Mig libico di fabbricazione russa con i serbatoi vuoti e senza missili nel suo armamento. La vicenda legata al Mig e alla data effettiva della sua caduta nel cuore della Calabria, sarebbe diventato, nell'ambito della strage di Ustica, un 'giallo' che ancora oggi non ha trovato soluzione.

Il medico Anselmo Zurlo, ex sindaco di Catanzaro, fu incaricato di eseguire l'autopsia insieme al collega Erasmo Rondanelli. Lo stato di non avanzata decomposizione del corpo, fece dedurre ai due esperti che la data della morte doveva essere recente. Poco dopo, la marcia indietro dei due patologi: i quali dichiararono in un supplemento di perizia, che il decesso del pilota libico poteva risalire anche a quindici giorni prima, e cioe' intorno alla fine di giugno, in coincidenza con la tragedia del DC9 dell'Itavia.

Sul perche' quell'aereo fosse caduto proprio in Calabria, trovandosi quindi nel pieno del Tirreno, si sono moltiplicate le ipotesi. Una era che avesse il compito di bloccare un altro aereo con armi destinate agli oppositori del regime del Colonnello Gheddafi, altra che dovesse abbattere l'aereo di Gheddafi, e fosse quindi pilotato da un libico defezionista. Ancora, che su quell'aereo, potesse trovarsi addirittura il terrorista internazionale Carlos.

In una deposizione al giudice Rosario Priore, autore della sentenza ordinanza sulla strage Ustica, il capo stazione della Cia a Roma,Duane Clarridge, disse che mando' i suoi uomini prima che la notizia apparisse sui giornali e che comunque non avrebbe mai potuto inviarli in un luogo dove fossero stati presenti i giornalisti. Clarridge aggiunse inoltre che il Generale Zeno Tascio lo aveva chiamato nella sede del Sios aeronautica prima del 18 luglio.

(Gdd/Idb/Adnkronos)