CLONAZIONE: VIOLANTE, NO A DECISIONI DI OLIGARCHIE RISTRETTE (2)
CLONAZIONE: VIOLANTE, NO A DECISIONI DI OLIGARCHIE RISTRETTE (2)

(Adnkronos) - Quanto alla posizione del Vaticano, Violante dice di capirla e rispettarla e sottolinea come, d'altronde, anche ''altri, laici, si sono espressi contro''. E aggiunge: ''Qualunque grande scoperta scientifica pone problemi etici. Cio' che faceva discutere trent'anno fa, come i trapianti d'organo, oggi e' nella norma''. Per questo non basta un 'no': ''prima o poi -dice- questi farmaci entreranno in commercio. Per coerenza, il no dovrebbe riguardare anche l'uso del farmaco quando sara' in circolazione. Ma cosa risponderemmo ai malati?''. Allo stesso modo Violante ritiene ''difficile impedire agli scienziati dei Paesi proibizionisti di partecipare alle ricerche che si fanno in altri Paesi''.

Quanto ad una Authority che vigili sul problema, Violante sottolinea che l'Italia ha gia' ''il Comitato di Bioetica cui partecipano alcuni dei maggiori scienziati italiani''. E definisce al momento ''impraticabile'' l'idea di istituire un'autorita' transnazionale che decida per tutti: ''I Paesi che gia' lavorano su queste terapie -afferma- non l'accetterebbero''.

(Sin-Inf/Gs/Adnkronos)