COMUNE ROMA: MARCHETTI, DAL '93 A OGGI ICI RIDOTTA DEL 10%
COMUNE ROMA: MARCHETTI, DAL '93 A OGGI ICI RIDOTTA DEL 10%
''PRIMA DAL 5,5 AL 5,2 E POI DAL 5,2 AL 4,9 PER MILLE''

Roma, 24 ago. - (Adnkronos) - ''Dal 1993 a oggi, cioe' da quando si e' insediata la Giunta Rutelli, il Comune di Roma ha ridotto l'Ici sulla prima casa di oltre il 10%, passando nel '94 dal 5,5 al 5,2 per mille e nel '97 dal 5,2 al 4,9 per mille''. Lo precisa l'assessore comunale al bilancio Maria Pia Marchetti, ''per sgombrare il campo da equivoci e strumentalizzazioni politiche sul tema della pressione fiscale a Roma'', dopo la relazione della Corte dei Conti sulle entrate locali del 1998.

''Si tratta - sottolinea la Marchetti - di uno dei piu' bassi livelli di aliquota sulla prima casa riscontrabile tra le grandi citta', rafforzato dalla progressiva estensione dell'aliquota ridotta a favore dei negozi e delle botteghe artigiane, delle abitazioni date in uso gratuito a parenti di primo e secondo grado e delle pertinenze come box e cantine. Complessivamente, tra il '93 e il '99, il prelievo su un'abitazione tipo del valore catastale di 250 milioni e' diminuito, anche considerando l'aumento per legge degli estimi catastali. In termini reali, cioe' al netto dell'inflazione, la diminuzione e' pari a circa il 20%. Gli aumenti del gettito dell'Ici intervenuti nello stesso periodo sono dovuti in parte all'aumento dell'aliquota ordinaria su seconde case e altri immobili, pari a circa il 10%, e in parte al progressivo recupero dell'evasione''.

(Bon/Idb/Adnkronos)