AFRICA: CLINTON, FELICE DI ESSERE NELLA NUOVA NIGERIA (2)
AFRICA: CLINTON, FELICE DI ESSERE NELLA NUOVA NIGERIA (2)

(Adnkronos) - ''Ho il grande onore di visitare la nuova Nigeria e promettere il sostegno dell'America alla piu' importante transizione democratica in Africa dalla fine dell'apartheid -ha detto Clinton ad una conferenza stampa dopo l'incontro con Obasanjo- Abbiamo bisogno che la Nigeria continui a rappresentare l'esempio del successo della democrazia e di una nazione che, nonostante gli anni di repressione e di conflitto, e' riuscita a dimostrare alle nostre democrazie che la diversita' puo' essere una forza''.

Al centro dell'incontro fra i due capi di stato, che hanno anche firmato un accordo cieli-aperti, c'e' stato il problema i 30 miliardi di dollari di debito verso i paesi stranieri che la nuova Nigeria ha ereditato dal regime corrotto di un generale che, come ha ricordato Berger, ''ha rubato oltre cinque miliardi di dollari allo stato, protetto i trafficanti di droga e i gruppi criminali''.

Clinton ha ribadito l'intenzione americana di sostenere in sede internazionale la remissione dei debiti per il paese, costretto a spendere un terzo del suo budget per pagare i debiti, in modo che possa spendere piu' soldi per lo sviluppo sociale e le riforme democratiche ed economiche. I soldi che ogni anno vanno a ripagare i debiti contratti con i paesi ricchi sono tre volte di piu' di quanto il governo nigeriano puo' spendere per l'istruzione e nove volte di piu' di quanto spende per la sanita' pubblica.

Clinton ha anche chiesto ad Obasanjo di chiedere agli altri leader dei paesi dell'Opec di aumentare la produzione di petrolio in modo di far diminuire il prezzo del greggio. Ed il presidente nigeriano si e' impegnato a lavorare ''affinche' si porti un elemento di stabilita' nel prezzo del petrolio a Caracas'' la capitale venezuelana dove si terra' il prossimo meeting dei paesi produttori.

(Ses/Idb/Adnkronos)