VENEZIA: ED HARRIS, ''SE VINCE BUSH MI TRASFERISCO''
VENEZIA: ED HARRIS, ''SE VINCE BUSH MI TRASFERISCO''

Venezia, 7 set. (Adnkronos) - ''Se vince Bush alle elezioni presidenziali devo decidere in quale Paese mi trasferisco''. Ed Harris, attore americano, protagonista di film come ''The rock'' e ''Apollo 13'', spara a zero su George Bush Junior. Alla Mostra del cinema di Venezia per presentare nella sezione ''Cinema del presente'' il suo primo film da regista ''Pollock'', Harris non si sottrae a parlare di politica: ''Liebermann e' innocuo -dice Harris- non cerca di far fare le preghiere nelle scuole e non cancella la liberta'. Ma credo, in generale, che sia meglio quando sta zitto''.

Il film interpretato dallo stesso Harris, e' la biografia del pittore americano Jackson Pollock, e, spiega il regista, ''e' nato da un'idea di mio padre che mi ha mandato diversi libri sull'artista chiedendomi di farci un film''. Secondo Harris, il film ''non e' certo un documentario anche se ho avuto un rapporto molto stretto con la 'Pollock Foundation'''.

Per quanto riguarda il debutto da regista, Harris racconta di aver incontrato ''Oliver Stone e di avergli chiesto come aveva fatto a realizzare il suo primo film. Mi ha spiegato che c'era riuscito lottando ogni dannato centimetro per centimetro. Quando fai un film -dice Harris- devi solo sopravvivere''. Il prossimo progetto di Harris lo vedra' attore di ''Enemy at the gate'' con Jude Law, diretto dal regista Jean-Jacques Annaud, le cui riprese sono terminate recentemente.

(Mag/Pe/Adnkronos)