VENEZIA: TOTOLEONI, TIRA VENTO DELL'EST
VENEZIA: TOTOLEONI, TIRA VENTO DELL'EST

Venezia, 7 set. - (Adnkronos) - Guardano ancora una volta verso Oriente i pronostici sui premi che verranno assegnati sabato sera al Festival. Quando ormai quasi tutti i titoli in gara al Leone d'oro sono stati proiettati, come tradizione parte il totoleoni sulla base delle indiscrezioni raccolte al Lido. Niente di definitivo, e in attesa delle decisioni ufficiali della giuria guidata da Milos Forman, ma qualche titolo sembra poter avere piu' chance di altri. Tra i piu' accreditati per il Leone d'oro, il coreano 'L'isola', 'Palavra e utopia' di Manuel de Oliveira, l'iraniano 'Il cerchio' di Jafar Panahi, il cinese 'Platform'.

Un gradino sotto ci sono gli italiani con 'I cento passi' di Marco Tullio Giordana in testa al gradimento tra i quattro film nostrani in concorso e seriamente candidato ad uno dei premi ufficiali. Anche 'Il partigiano Johnny' di Guido Chiesa potrebbe dire la sua al momento della compilazione del palmares definitivo. Accesa la 'battaglia' per la Coppa Volpi al migliore attore e alla migliore attrice. Alcuni tra i nomi piu' ricorrenti nel tam tam festivaliero sono quello di Javier Bardem per 'Before night falls' di Julian Schnabel, del piccolo Anthony Borrows per 'Liam' e di Luigi Lo Cascio per 'I cento passi' che, essendo esordiente, si candida anche al premio Mastroianni.

Tra le donne, apprezzata particolarmente l'interpretazione di Rose Byrne in 'La dea del '67', di Isabelle Huppert per 'Il figlio di due madri' di Raoul Ruiz e dell'intero cast femminile de 'Il cerchio'.

(Gmg/Pn/Adnkronos)