ICS OLIVETTI: INIZIA RINASCITA, ACCORDO CON DATAMATIC
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ICS OLIVETTI: INIZIA RINASCITA, ACCORDO CON DATAMATIC

Milano, 28 set. - (Adnkronos) - Parte da un accordo di partnership con Datamatic, l'azienda milanese che distribuira' i suoi computer, la rinascita della Ics Olivetti di Scarmagno, nel Canavese, nata dalle ceneri della Op Computers dopo il rilevamento da parte del gruppo padovano Finmek. L'accordo tra la Ics Olivetti, e la milanese Datamatic e' stato presentato oggi a Milano dall'a.d. di Datamatic, Enrico Martini, e da Ennio Ponzetto, direttore generale dell'azienda piemontese.

L'accordo ha validita' di un anno ed e' rinnovabile: Datamatic vendera' i pc prodotti dallo stabilimento di Scarmagno anche attraverso la sua rete di negozi Wellcome, sgravando cosi' la Ics dall'incombenza della distribuzione, che contribui' al fallimento dell'OP Computers. La Wellcome dispone di 95 negozi in tutta Italia, isole comprese: il budget, ha spiegato Martini, e' di 50 mld di lire di pc della Ics venduti nel 2001. Con questo accordo, ha affermato il direttore commerciale di Ics Olivetti Vincenzo Izzo, l'azienda piemontese abbandona i piccoli distributori regionali per abbracciare un player nazionale: per la ditta di Scarmagno l'accordo di oggi ''ha una importanza notevole'', ha concluso Izzo.

Oltre a vendere i pc, Datamatic fornira' anche l'assistenza tecnica a coloro che compreranno i macchinari della Ics nei negozi Wellcome. Inoltre, Datamatic distribuira' gli apparecchi di Ics anche attraverso altre sue strutture: in cambio, l'azienda milanese, che oltre a distribuire produce anche computer, potra' contare sullo stabilimento di Scarmagno nei momenti di punta della domanda. Datamatic prevede di fatturare 320 mld nel 2000 (+35% sul '99). Secondo il piano industriale della Ics Olivetti, gli addetti dovranno raggiungere, a fine 2000, quota 500, per toccare un fatturato di 470 mld, sempre nel 2000.

(Ami/Idb/Adnkronos)