SILONE: LA VEDOVA COMMOSSA, GRAZIE PER QUEST'OPERA DI VERITA'
SILONE: LA VEDOVA COMMOSSA, GRAZIE PER QUEST'OPERA DI VERITA'

Roma, 18 ott. - (Adnkronos) - ''Grazie per quest'opera di verita' su Ignazio Silone''. Darina Laracy, vedova dell'autore di ''Fontamara'', ha abbracciato e baciato commossa Giuseppe Tamburrano, presidente della Fondazione Nenni, al termine della conferenza stampa convocata per 'scagionare' lo scrittore dall'accusa di essere stato una spia dei fascisti. La vedova ha precisato che del periodo precedente al 1942, anno in cui si conobbero in Svizzera, il marito non gli ha mai dato particolari: ''Ignazio era molto riservato e non amava parlare di quegli anni, a causa dei sofferti ricordi legati alla carcerazione del fratello''. Darina Laracy ha invece fornito delucidazioni sul rapporto tra Silone e l'Oss, il servizio segreto militare americano durante la seconda guerra mondiale. ''E' una sciocchezza, oltre che falsita', affermare che Silone e' stata una spia della Cia. Silone e' stato un patriota che ha giovato al suo Paese, cercando di aprire gli occhi degli americani sulla realta' vera dell'Italia, sulle responsabilita' della monarchia''.

(Sin-Xio/Rs/Adnkronos)