RAIUNO: ARRIVA D'EUSANIO CON ''UN PUGNO O UNA CAREZZA''
RAIUNO: ARRIVA D'EUSANIO CON ''UN PUGNO O UNA CAREZZA''
LA CONDUTTRICE, COPIARE LA DE FILIPPI? NO, E' LEI CHE COPIA NOI

Roma, 22 gen. (Adnkronos) - Arriva mercoledi' su Raiuno ''Un pugno o una carezza'', che si annuncia come la risposta del servizio pubblico a ''C'e' posta per te''. Il programma, prodotto da Raiuno con Aran Endemol, segna il debutto nella prima serata dell'ammiraglia Rai della conduttrice Alda D'Eusanio ed e' -sottolinea il capostruttura Giampiero Raveggi- ''il primo reality show puro di Raiuno. '''Un pugno o una carezza -aggiunge Raveggi- non nasce da un format importato ma dalla sperimentazione estiva di numeri zero''. Il 'pilot' del nuovo programma era infatti andato in onda su Raiuno il 29 luglio scorso ottenendo uno share del 22 per cento.

''Ma nella versione che vedrete in onda da mercoledi' -spiega Alda D'Eusanio- molte cose sono state modificate, aggiustate, migliorate''. Al centro del programma una serie di messaggi (circa 10 storie per puntata) di 'pace' o di 'guerra' inviati dai telespettatori ad amici, parenti, fidanzati, ma anche datori di lavoro, vip e protagonisti di clamorose storie di cronaca. Come quella del giovane parroco di Fragneto L'Abate, in provincia di Benevento, che ha lasciato il sacerdozio per sposare la fanciulla di cui si era innamorato. Ad inviare una 'carezza' alla coppia, che ora ha un bambino, e' il sindaco del piccolo centro campano che chiede scusa a nome della cittadinanza per non aver capito e rispettato da subito la scelta dei due. Ma ci sara' anche un volto noto che tentera' di fare pace con un collega (la D'Eusanio non fa nomi perche' solo il mittente e' al corrente della sorpresa) ed un ragazzo gay che, stufo delle censure della famiglia, rivolgera' un ultimatum ai suoi cari.

A chi gli chiede se il nuovo programma non assomigli troppo a quello condotto da Maria De Filippi il sabato sera su Canale 5, Alda D'Eusanio replica con una premessa: ''Non mi preoccupa sentirmi dire che copio qualcuno, tanto i risultati si vedono sul campo. Ormai tutto e' stato detto. E' il modo di raccontare le storie che fa la differenza. Ogni epoca ha le sue tecniche di comunicazione ed ogni conduttore ha la sua personalita'. Comunque, anche per 'Al posto tuo' siamo stati accusati di copiare la De Filippi ed e' sotto gli occhi di tutti che ora e' lei che copia noi...''. (segue)

(Nex/Pe/Adnkronos)