CARPANINI: VIOLANTE, E' STATO PER TUTTI UN GIOVANE MAESTRO
CARPANINI: VIOLANTE, E' STATO PER TUTTI UN GIOVANE MAESTRO

Torino, 28 mar. (Adnkronos) - Il presidente della Camera Luciano Violante ha ricordato oggi a un mese dalla scomparsa, la figura di Domenico Carpanini, vicesindaco di Torino stroncato a 47 anni da un ictus durante il primo faccia a faccia della campagna elettorale con l'avversario, il candidato sindaco di Torino per la Casa delle Liberta' Roberto Rosso. Intervenendo nella sede dell'Ascom, dove un mese fa si consumo' la tragedia, e dove questa mattina e' stata intitolata a Carpanini la sala riunioni, Violante ha sottolineato che ''i valori di Domenico emergono oggi, a un mese di distanza meglio che nei momenti della commozione. Carpanini -ha detto- e' stato un giovane maestro per tutti noi. Giovane, perche' era giovane, maestro perche la sua vita molte cose le ha insegnate, per la dedizione alla citta', per il rigore e la serieta' dell'impegno e per non aver mai trasformato gli avversari politici in nemici. Ora -ha concluso il presidente della Camera- e' compito di tutti noi prendere quei valori che Domenico Carpanini ci ha lasciato. Abbiamo un dovere, religioso per chi crede, civile per gli altri, che e' quello di dare un senso alla vita di Carpanini che va oltre i confini della vita stessa perche' se pensassimo che la vita si chiude con la morte sarebbe troppo banale''.

Poco prima del presidente Violante alla presenza di forze dell'ordine, assessore e consiglieri comunali, esponenti politici e rappresentanti sindacali, erano intervenuti alla commemorazione il presidente dell'Ascom Giuseppe De Maria che aveva invitato a un minuto di silenzio in ricordo del vicesindaco scomparso. Il sindaco del capoluogo piemontese, Valentino Castellani trattenendo a stento la commozione aveva invece sottolineato che cio' che colpiva in Domenico era il fatto che non c'era distinzione tra l'uomo e il politico. Infine il monsignor Franco Peradotto, in rappresentanza dell'arcivescovo di Torino, dopo aver letto il capitolo 16 del libro dei proverbi aveva portato come testimonianza due lettere ricevute dopo la morte di Carpanini, quella di un ristoratore che descriveva il vicesindaco come ''il piu' umile e disponibile dei gentiluomini'' e quella di un seminarista.

Alla cerimonia sono intervenuti anche il candidato sindaco per il centrosinistra, Sergio Chiamparino e quello di Rifondazione comunista Marilde Provera, mentre il candidato sindaco del centrodestra Roberto Rosso ancora in ospedale per un intervento chirurgico ha inviato un messaggio scritto.

(Abr/Pe/Adnkronos)