AEREI: VOLO EGYPTAIR DEL '99, CO-PILOTA PROVOCO' CADUTA
AEREI: VOLO EGYPTAIR DEL '99, CO-PILOTA PROVOCO' CADUTA
ATTO DELIBERATO SECONDO INCHIESTA USA

Washington, 19 apr. - (Adnkronos) - Nessun problema meccanico, e' stato il pilota a far precipitare il Boeing 767 della EgyptAir il 31 ottobre del 1999 poco dopo il decollo dall'aereoporto di New York. Secondo un rapporto del National Transportation Safety Board (Ntsb), sarebbe stato un atto deliberato del co-pilota, Gameel al-Batouty, a provocare il tragico incidente nel quale morirono tutte le 217 persone a bordo. Nel documento, inviato alle autorita' egiziane per un ulteriore analisi, non e' stata utilizzata la parola ''suicidio''. E' gia' arrivata una prima risposta da parte della compagnia aerea egiziana la quale ha ''consigliato'' all'Ntsb di approfondire maggiormente l'inchiesta sulla possibilita' che si sia trattato di un problema meccanico.

Due anni fa, la Ntsb aveva gia' parlato di un atto deliberato del co-pilota e sia la EgyptAir che il governo egiziano hanno sempre negato l'ipotesi di un atto deliberato, suicidio, di Al-Batouty. Le autorita' egiziane insistono quindi sul problema meccanico precisamente sul malfunzionamento dei sistemi di controllo. Funzionari dell'Ntsb non hanno voluto commentare il rapporto, ma un funzionario vicino agli inquirenti ha riferito all'Associated Press che non sono state trovate prove a dimostrazione dell'ipotesi del problema meccanico.

(Ses-Tao/Pn/Adnkronos)