FAZIO: 21 ANNI IN RAI, DALLE IMITAZIONI A INCONTRO CON GORBY
FAZIO: 21 ANNI IN RAI, DALLE IMITAZIONI A INCONTRO CON GORBY
DAI PROGRAMMI PER RAGAZZI ALL'IRONIA DI 'DIRITTO DI REPLICA'

Roma, 20 apr. - (Adnkronos) - ''Se la Rai e' questa, e' meglio saperlo perche', come temevo, rimanerci e' veramente difficile. E allora viva Tmc e il terzo polo''. Le parole, pronunciate un mese fa da Fabio Fazio, nel pieno delle polemiche sul caso-Luttazzi, sembrano assumere una luce particolare oggi, nel giorno in cui l'addio tra il conduttore e Viale Mazzini sembra ormai certo. Un trasloco piu' volte paventato da Fazio negli ultimi tempi, a cominciare da quando, un paio di mesi fa, annuncio' che non avrebbe piu' condotto 'Quelli che il calcio'. Poi le tante voci di incontri non solo con dirigenti di Tmc ma anche con quelli Mediaset. Una riunione ad Arcore con Piersilvio Berlusconi, le parole di stima di tutti i vertici del Biscione ma anche la conferma della volonta' della Rai di trattenere l'ex 'enfant prodige' della Rai: ''Credo che Fazio restera' con noi'', disse lo stesso presidente della Rai, Roberto Zaccaria, alla fine dello scorso febbraio.

Un rapporto ultraventennale tra Fazio e Viale Mazzini dove Fazio entro' 25enne (e' nato nel 1964 a Savona) grazie a un concorso indetto dalla Rai all'inizio degli anni Ottanta per la selezione di nuovi volti televisivi. Una carriera iniziata come imitatore (popolare quella di Gianni Mina') a 'Pronto Raffaella' del 1983 passando per 'Loretta Goggi in quiz' e alcuni programmi di intrattenimento giovanile con 'L'orecchiocchio' e 'Jeans'. Dal 1987 al 1990 la prima separazione dalla Rai: prima per un programma sportivo su Odeon tv intitolato curiosamente 'Forza Italia' poi proprio per Tmc dove partecipava allo show comico 'Banane'. Il ritorno in Rai e' datato 1991 per condurre 'Fantastico bis' e, assieme a Sandro Paternostro, l'ironico 'Diritto di replica'. (segue)

(Mag/Zn/Adnkronos)