LAVORO: MUORE OPERAIO DOPO DUE ORE DI AGONIA NELLA DOCCIA
LAVORO: MUORE OPERAIO DOPO DUE ORE DI AGONIA NELLA DOCCIA
LA MAGISTRATURA DI TERMINI IMERESE HA APERTO UN'INCHIESTA

Palermo, 23 apr. - (Adnkronos) - Colpito il giorno di Pasqua da un aneurisma, e' rimasto per oltre due ore ad agonizzare nelle docce dello stabilimento Fiat di Termini Imerese (Palermo), prima di essere trovato da un compagno di lavoro. Trasportato in ospedale, Giuseppe Cianciolo, 45 anni, e' morto sabato scorso dopo sei giorni di agonia. E adesso, la magistratura di Termini Imerese ha aperto un'inchiesta per accertare eventuali responsabilita'. Il fatto viene reso noto dalla Fiom Cgil della Sicilia e di Termini, che annunciano, in caso di giudizio, la costituzione di parte civile.

L'operaio era alla fine del suo turno delle 14, quando e' stato colpito da aneurisma cerebrale. ''Solo il caso ha voluto -dicono al sindacato- che venisse scoperto''. E, si chiedono, ''avrebbe potuto salvarsi se fosse stato soccorso prima?". Per Rosario Rappa, della Fiom regionale e Pietro Testaiuti della Fiom di Termini, ''e' comunque inconcepibile che non vengano controllati i movimenti di entrata e uscita degli operai. Cianciolo ha persino rischiato di restare nelle docce fino a dopo le feste di Pasqua. In ogni caso, e' innegabile che ci troviamo di fronte a un peggioramento complessivo delle condizioni di lavoro all'interno della Fiat, dovuto all'uso selvaggio della flessibilita''.

(Ter/Rs/Adnkronos)