HARRY POTTER: PER ROWLING UNA FORTUNA DA 180 MLD DI LIRE (2)
HARRY POTTER: PER ROWLING UNA FORTUNA DA 180 MLD DI LIRE (2)
LA QUINTA PUNTATA DELLA SAGA RINVIATA ALL'ESTATE DEL 2002

(Adnkronos) - Finora i quattro titoli usciti delle storie di Harry Potter hanno venduto 60 milioni di copie complessive nel mondo, gia' tradotte in un centinaio di lingue. La Rowling ha gia' fatto sapere che scrivera' fino alla settima puntata, poi mettera' la parola fine alla saga. Le eccezionali vendite dei suoi romanzi hanno fatto lievitare i risultati finanziari della Bloomsbury: l'editore inglese della scrittrice ha registrato nel 2000 una crescita delle vendite del 143% rispetto al 1999, raggiungendo i 50,7 milioni di sterline di fatturato.

Baciata da cosi' tanta fortuna, Joanne K. Rowling ha deciso di prendersi una pausa di almeno un anno, rinviando l'uscita della quinta puntata di Harry Potter all'estate del 2002. La Rowling e' infatti molto indietro nella stesura della nuova avventura dell'orfanello apprendista mago che frequenta una scuola di stregoneria, in un primo tempo annunciata per il prossimo luglio. Il ritardo sarebbe stato provocato, in particolare, dall'impegno per la preparazione del film tratto dal volume ''Harry Potter e la pietra filosofale''. Alla prossima uscita del kolossal di Hollywood e' collegata anche la supervisione da parte della Rowling dei gadget ispirati ai personaggi della saga magica: dalle magliette ai videogiochi, dai diari scolastici alle tute da ginnastica.

Cosi' di comune accordo con la casa editrice Bloomsbury, J.K. Rowling ha deciso di rinviare la pubblicazione dell'attesa quinta puntata, che secondo il piano editoriale approvato nello scorso gennaio, doveva uscire in Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada il 1 luglio 2001, ad un anno esatto dall'arrivo nelle librerie anglosassoni della quarta puntata (''Harry Potter e il calice di fuoco''). La quinta puntata ha comunque gia' un titolo, almeno provvisorio: ''Harry Potter e l'Ordine della Fenice''.

(Xio/Rs/Adnkronos)