MATRANGA: DISINTEGREREBBERO ALBERO FALCONE E ANCHE ME
MATRANGA: DISINTEGREREBBERO ALBERO FALCONE E ANCHE ME

Milano, 30 apr. - (Adnkronos) - ''L'albero di Falcone, lo disintegrerebbero volentieri proprio perche' e' un simbolo. Figuriamoci una come me che e' libera e pensante''. E' uno sfogo amaro quello che Cristina Matranga, deputato di Forza Italia e impegnata nella lotta contro la mafia in Sicilia rivolge ad una Emma Bonino di ritorno nel pomeriggio al Comitato Radicale dopo una nuova visita all'ospedale San Carlo. Le due esponenti politiche si abbracciano e scambiano qualche breve battuta lungo il corridoio del palazzo delle Stelline.

Quindi, prima di entrare in sala, Cristina Matranga riassume tanto la sua vicenda personale quanto i motivi che l'hanno allontanata da Fi. ''Quindici giorni fa -dice la Matranga ad Emma Bonino- ho chiamato Marcello Dell'Utri e gli ho detto che non volevo una poltrona di sottosegretariato ma solo una lettera di solidarieta' che avrebbe allentato la tensione su di me e sulla mia famiglia. Ma non ho ricevuto nulla, mi hanno lasciato sola''.

(Cri/Zn/Adnkronos)