TEATRO: LUIGI DI MAJO PORTA IN SCENA 'IL CASO SOFRI'
TEATRO: LUIGI DI MAJO PORTA IN SCENA 'IL CASO SOFRI'
UN CASO ORMAI DIMENTICATO, ANCHE DALLA SINISTRA

Roma, 14 mag. (Adnkronos) - ''Il caso Sofri? Uno dei processi piu' inquietanti del dopoguerra perche' si basa sulle dichiarazioni di un pentito, Leonardo Marini, che decide di parlare dopo 16 anni. Tra contraddizioni e contrasti soprattutto all'interno della magistratura. Un caso ormai chiuso, dimenticato, anche da parte della sinistra. Rimane la grazia che Sofri continua a rifiutare''. Luigi Di Majo, avvocato penalista, drammaturgo e attore, portera' domani sera in scena al Teatro Moliere ''Il caso Sofri'' scritto con Annalisa Scafi e Lucia Nardi di cui sara' anche interprete nel ruolo della Difesa accanto ad Aldo Massasso (l'Accusa) e un gruppo di straordinari attori.

Precisa ancora Luigi Di Majo, che vedremo prossimamente su Raiuno dal 12 giugno protagonista di ''Assassine'' tratto dal libro di Cinzia Tani e il prossimo ottobre nella seconda parte dello sceneggiato ''Le ali della liberta''' con Sabrina Ferilli: ''attraverso il mio lavoro voglio semplicemente dimostrare come le prove a volte siano insufficienti a giustificare la condanna di un uomo a prescindere da un giudizio di responsabilita' o colpevolezza. :a giustizia italiana -aggiunge Di Majo- piena di lacune non colmate, nonostante le varie disposizioni legislative entrate in vigore in questi ultimi anni che hanno ulteriormente aggravato la situazione''.

Puntare sull'attualita' a teatro: Luigi Di Majo e' convinto che possa essere l'unico antitodo per combattere lo strapotere della televisione. ''Il piccolo schermo si e' impadronito di fatti di cronaca. E' giusto che il teatro ritorni alla contemporaneita'. Magari attraverso i processi. Ci sono similitudini e somiglianze con la scena. Soprattutto stilistiche''. ''Il caso Sofri'' sara' in cartellone al Teatro Moliere fino al 17 maggio. La prossima stagione Luigi Di Majo sara' impegnato nel ''Processo di Norimberga'', il processo del secolo consegnato da Di Majo alla storia e al teatro attraverso documenti e atti ufficiali.

(Cap/Pe/Adnkronos)