DOPING: TOMBA RIVELA, FUI CORTEGGIATO DA GENTE DEL CONI
DOPING: TOMBA RIVELA, FUI CORTEGGIATO DA GENTE DEL CONI
SUI GUAI COL FISCO, DIRO' LA MIA AL PROCESSO

Roma, 24 mag. - (Adnkronos) - ''Non ho mai preso sostanze proibite, ma sono stato corteggiato da alcuni apprendisti stregoni del Coni e altri medici'''. Lo denuncia a ''Panorama'' l'ex campione di sci, Alberto Tomba. ''Volevano -riferisce- migliorarmi il sangue in laboratorio. Mia madre li ha sempre cacciati via''.

Quanto ai suoi guai col fisco, Albertone dice: ''per colpa di questa inchiesta ho perso miliardi di sponsorizzazioni, ma al processo diro' finalmente la mia''. Irregolarita'? Se ce ne sono state, si difende il campione accusato di un'evasione di 10 miliardi, ''io non ne sapevo nulla''. Anche il padre Franco, che dal '96 gestisce l'immagine del figlio e che e' imputato insieme a lui (prima udienza il 20 settembre), assicura che ''tutto e' stato fatto in piena regola''. I Tomba, insomma, pronti a rivalersi su chi li ha danneggiati, continuano a negare di aver depositato soldi su conti esteri e avuto rapporti con societa' offshore.

E per il futuro Alberto sta cercando di rimettersi ''in pista''. Potrebbe diventare infatti testimonial delle Olimpiadi invernali del 2006 a Torino e ricoprire un incarico di prestigio nella Federsci.

(Sin/Pn/Adnkronos)