FILIPPINE: GOVERNO ORDINA ARRESTO GOVERNATORE MINDANAO IN FUGA
FILIPPINE: GOVERNO ORDINA ARRESTO GOVERNATORE MINDANAO IN FUGA
DOMANI ARROYO NELLA REGIONE PER BRIEFING CON ESERCITO

Zamboanga, 22 nov. (Adnkronos/Dpa) - Il governo filippino ha ordinato l'arresto di Nur Misuari, governatore della regione semiautonoma del Mindanao. Misuari, diventato governatore dopo la firma dell'accordo di pace tra Manila ed il gruppo musulmano di liberazione nazionale Moro (Mnlf) di cui e' il leader, e' stato accusato di avere organizzato la ribellione del Moro, che negli ultimi 4 giorni ha seminato vittime e creato disordini nell'isola di Jolo, e di avere connessioni con il gruppo terroristico Abu Sayyaf, a sua volta legato al network di Al Qaeda. Ad annunciarlo e' stato il ministro degli interni Jose Lina. Secondo il capo delle forze armate Generale Diomedio Villaneva, tuttavia Misuari avrebbe abbandonato il paese e cercato rifugio in Malesia o in Medio Oriente.

Un assistente del governatore invece sostiene che il leader del Moro e' stato ferito durante i bombardamenti dell'esercito ed adesso e' stato nascosto dagli abitanti di Jolo. Misuari, secondo il governo filippino, avrebbe organizzato la ribellione del Moro per impedire le elezioni della prossima settimana a Jolo e Zamboanga, citta' roccaforte di Abu Sayyaf con cui infatti il governatore ha qualche accordo. Misuari considera le elezioni una violazione degli accordi di pace tra il Moro e il governo nel 1996. Domani il Presidente delle Filippine Arroyo, impegnata in un tour tra Usa e Messico, dovrebbe volare a Zamboanga per un briefing con l'esercito. Arroyo ha ottenuto dal Presidente americano Gerge W.Bush 100 milioni di dollari da impiegare per la sicurezza interna.

(Rol/Pe/Adnkronos)