AFGHANISTAN: APPELLO INTELLETTUALI, RISPOSTA MILITARE NON BASTA
AFGHANISTAN: APPELLO INTELLETTUALI, RISPOSTA MILITARE NON BASTA
FIRMATO DA LUZI-TABUCCHI-PORTOGHESI-TADINI-RAVERA-DORFLES-PIRRO

Roma, 22 nov. - (Adnkronos) - ''Se dopo l'11 settembre il problema internazionale prioritario e' divenuto la lotta al terrorismo e l'affermazione del diritto dei popoli a difendersi dalle aggressioni, non per questo e' consentito, in ragione della potenza tecnologica di cui si dispone, di estendere la reazione al coinvolgimento di fatto di popolazioni inermi, offese e massacrate''. E' quanto affermano un gruppo di intellettuali italiani e stranieri in un appello pubblico nel quale sottolineano che per ''combattere il terrorismo'' non e' sufficiente solo una risposta militare. Tra le firme piu' note dell'appello figurano quelle del critico d'arte Enrico Crispolti, del filosofo Gillo Dorfles, del poeta Mario Luzi, dello scrittore Antonio Tabucchi, l'arch. Paolo Portoghesi, la scrittrice Lidia Ravera, lo scrittore-pittore Emilio Tadini, lo sceneggiatore Ugo Pirro, il giornalista Saverio Tutino.

''Consapevoli del rischio che una reazione puramente egemonica risulti incapace di recidere alla radice il terrorismo, provocando soprattutto altro odio, reclamiamo -affermano i firmatari- dalla politica un nuovo pensiero e un nuovo agire. Cioe' chiediamo che la politica sia capace di confinare il terrorismo nell'ambito dei delitti affrontando il disagio morale ed economico che vi si esprime e dunque assumendo le condizioni dei popoli emarginati e affamati come impellente problema di una societa' multiculturale che sappia salvaguardare le differenze''.

(Sin-Xio/Zn/Adnkronos)