CAMERA: CASINI, SEMPRE PERICOLOSI CONFLITTI ISTITUZIONALI
CAMERA: CASINI, SEMPRE PERICOLOSI CONFLITTI ISTITUZIONALI
RISPETTO GALATEO ISTITUZIONALE E' SOSTANZA, NON FORMA

Citta' del Messico, 22 nov. - (Dall'inviato dell'Adnkronos Giovanni Tortorolo) - ''Io ritengo i conflitti istituzionali sempre pericolosi. Ci possono anche essere confronti aspri e forti. Ma ci vuole comunque sempre la capacita' di delimitare i confini. E la consapevoleza di considerare che il galateo istituzionale non e' affatto formalismo ma e' sostanza''. E' l'appello al rispetto dei ruoli che viene dal presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, che oggi ha tenuto un discorso al Parlamento messicano prima di ripartire per l'Italia, al termine di due giorni di visita a Citta' del Messico.

Nessun riferimento esplicito al caso Taormina o ad altri episodi di polemiche istituzionali, come quella con il presidente del Senato Marcello Pera sull'equilibrio fra liberta' di stampa e tutela della dignita' parlametnare ma un richiamo che ''vale per tutti''. ''Io non mi riferisco -spiega infatti Casini- a nessun caso particolare. Il presidente della Camera non si vuole ne' si puo' riferire espressamente ad alcun episodio specifico. Il mio e' invece, naturalmente, un riferimento che vale per tutti. Qui nel Parlamento messicano, che ha visto l'alternarsi tra diverse vicende, voglio ribadire la necessita' di non smarrire mai la bussola di una armonia istituzionale che e' necessaria''.

''Questo -prosegue il presidente della Camera- significa rispetto di ruoli e delle competenze di ciascuno, rapporto corretto fra governo e Parlamento come quello che noi in Italia ci sforziamo di alimentare giornalmente, distinzione di ruoli. Ma anche consapevolezza -ripete- che non bisogna mai perdere la deontologia istituzionale che no e' puro formalismo ma sostanza. Guai -ammonisce- a pensare che il galateo istituzionale sia un dato solo di forma perche', invece, e' un dato di sostanza politica. Ed e' questa una consapevolezza istituzionale che non bisogna mai smarrire''. (segue)

(Tor/Pn/Adnkronos)