GIUSTIZIA: CSM RINVIA SU OLAF, VALUTARE INTERVENTO BERLUSCONI
GIUSTIZIA: CSM RINVIA SU OLAF, VALUTARE INTERVENTO BERLUSCONI
OK PREMIER SERVE ANCHE PER ORGANISMI COMUNITARI? PLENUM TRA 2 SETTIMANE

Roma, 22 nov. (Adnkronos) - Il Csm rinvia di due settimane la discussione sul 'caso Olaf', l'organismo europeo antifrodi del quale sono stati chiamati a far parte tre magistrati italiani che hanno vinto il concorso bandito dall'Ue. Una pausa che servira' a chiarire la situazione dopo il nuovo 'stop', arrivato questa volta dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il quale ha negato l'autorizzazione a lavorare all'estero per Mario Vaudano, Nicola Piacente e Alberto Perduca. Un 'no' pronunciato in base alla legge del '62 che prevede il necessario via libera di palazzo Chigi per i distacchi all'estero dei dipendenti pubblici. Ma ai consiglieri di palazzo dei Marescialli tocchera' ora il compito di valutare se l'autorizzazione del capo del governo e' necessaria anche per organismi comunitari, autonomi e indipendenti, qual e' l'Olaf.

La discussione, in programma oggi, slitta quindi alla prima seduta utile dopo la consueta pausa dei lavori consiliari. Se ne riparlera' il 5 o il 6 dicembre. Ma anche allora non e' detto che si arrivi ad una conclusione: potrebbero essere necessari altri accertamenti istruttori, la pratica potrebbe tornare quindi in commissione. (segue)

(Arc/Pe/Adnkronos)