GIUSTIZIA: MARTEDI' AL CSM IL DOCUMENTO CONTRO ACCUSE A TOGHE
GIUSTIZIA: MARTEDI' AL CSM IL DOCUMENTO CONTRO ACCUSE A TOGHE
POLO PREPARA TESTO ALTERNATIVO, SI' RISPETTO MA RESTA DIRITTO CRITICA

Roma, 22 nov. (Adnkronos) - E' ufficiale: martedi' 27 novembre, alle 17, il plenum del Csm si riunira' in seduta straordinaria per discutere il documento contro gli ''attacchi'' e i ''tentativi di intimidazione'' rivolti ai magistrati. Un documento firmato da tutti i consiglieri, fatta eccezione per i laici del Polo che stanno ancora lavorando al testo alternativo da proporre in quella sede. Il testo firmato da Mario Serio, Mauro Ronco e Bartolo Gallitto sara' depositato ''nei prossimi giorni'', ma il canovaccio e' gia' pronto.

''Ribadiremo -anticipa Serio, precisando di parlare anche a nome degli altri due colleghi- l'assoluta necessita' dell'esercizio libero e indipendente della giurisdizione, che va comunque rispettato. Ma sottolineeremo anche la inalienabilita' del diritto di critica, a condizione che sia esercitato in modo riguardoso e colto, anche se pungente, soprattutto quando la critica ha di mira il rispetto delle pronunce ineludibili della Corte Costituzionale''. Il documento del Polo, aggiunge Serio, ''si aprira''' con le parole pronunciate ieri dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. ''Trarremo spunto e ispirazione dalle elevate e simboliche parole del capo dello Stato, al quale ancora una volta -sottolinea il consigliere laico di palazzo dei Marescialli- riconosciamo l'insostituibile ruolo di guida morale e intellettuale del Csm, e dalle cui parole continuiamo a trarre costante insegnamento''.

E proprio la presenza di Ciampi resta ancora incerta. Anche stamattina il vicepresidente del Csm Giovanni Verde ha spiegato infatti ai consiglieri di non sapere se il capo dello Stato presiedera' la seduta straordinaria di martedi' prossimo.

(Arc/Gs/Adnkronos)