ISLAMICI: LUZZATTO, LE MOSCHEE NON VANNO CHIUSE
ISLAMICI: LUZZATTO, LE MOSCHEE NON VANNO CHIUSE

Milano, 22 nov. - (Adnkronos) - Le Moschee in Italia non vanno chiuse ma si deve pero' protestare se non si potranno aprire 'chiese' di altri culti nei paesi musulmani. Questo, in sintesi, il parere del presidente dell'Unione delle comunita' ebraiche italiane, Amos Luzzatto. ''Chiudere le moschee non risolve alcun problema -dichiara Luzzatto all'Adnkronos- cosi' come non lo si risolve facendo delle ritorsioni. Certo e' -prosegue- che se poi gli altri non danno una contropartita, non permettono cioe' l'apertura di chiese in determinati Paesi musulmani, allora si deve protestare attraverso un'azione presso l'opinione pubblica mondiale''.

''In Italia c'e' un gruppo di minoranza molto forte di immigrati, e non solo, che appartengono alla religione musulmana, ritengo che un Paese civile non debba misurare le proprie concessioni sulla base di quello che e' stato fatto altrove, ma misurarle in senso proprio, con una unita' di misura propria, stabilendo il principio che un un grosso gruppo di minoranza religiosa possa avere i suoi luoghi di culto. Questo -sottolinea Luzzato- dovrebbe essere un dogma irremovibile''.

La richiesta di chiudere centri culturali islamici e moschee, avanzata in questi giorni da molte parti, anche politiche, secondo il presidente dell'Unione delle comunita' ebraiche, va considerata anche come un fatto emozionale, tuttavia ''dire che, siccome c'e' un fattore emotivo possiamo per questo giustificare determinati comportanti di chiusura -conclude- e' completamente sbagliato''.

(Ros/Pn/Adnkronos)