PAPA: INVIA MESSAGGIO E-MAIL AI CATTOLICI D'OCEANIA (3)
PAPA: INVIA MESSAGGIO E-MAIL AI CATTOLICI D'OCEANIA (3)
CORRUZIONE E'' SEMPRE INGIUSTIZIA SERIA, LOTTA A DISOCCUPAZIONE

(Adnkronos) - Wojtyla, che tanta parte ha avuto nell'ascesa di Solidarnosc, ricorda che ''i sindacati possono svolgere un ruolo insostituibile nel difendere i diritti dei lavoratori''. Politici, pubblici amministratori e Polizia ''devono evitare la corruzione'' poiche' essa ''costituisce sempre un'ingiustizia seria nei confronti dei cittadini''. Ed occorre frenare anche la ''diffusione del gioco d'azzardo'', con case da gioco ''che promettono una soluzione veloce e spettacolare delle difficolta' economiche, mentre conducono le persone ad una situazione di difficolta' ancora maggiore''.

Ma il Papa pensa soprattutto ai giovani, la parte maggioritaria della popolazione dell'Oceania. Molti di loro, scrive, ''non riescono a trovare lavoro, si spostano frequentemente verso le citta' piu' grandi dove la pressione dell'isolamento, della solitudine e della disoccupazione li trascinano in situazioni dirompenti'', come la tossicodipendenza e le spinte al suicidio. Eppure ''anche in queste situazioni i giovani sono spesso alla ricerca di una vita che puo' essere loro offerta soltanto da Cristo'' e rispondono all'offerta di momenti di fede comunitaria, come ha dimostrato ''in maniera straordinaria'' il maxi-raduno giubilare dell'anno scorso a Tor Vergata. ''Molte volte io stesso -dice- ho potuto constatare quanto sono per natura aperti al mistero di Dio rivelato nel Vangelo''.

E ci sono le altre sfide che la Chiesa deve affontare: la santita' delle donne, che possono avere ''un'efficacia straordinaria nel risolvere dissidi''; l'impegno sul fronte della sanita', specialmente nell'assistenza ai lebbrosi e ai malati di Aids; ''un piano pastorale'' per i mass media che devono ''promuovere il valore della vita''. ''Preoccupazione'' viene espressa per la pubblicita', che ''con la forza delle immagini e delle suggestioni propaga spesso una cultura consumistica, riducendo le persone a cio' che possiedono o che possono acquistare. Le porta a credere -ammonisce il Papa- che non vi e' nulla al di la' di cio' che una economia di consumo puo' offrire'.

(Mbr/Pe/Adnkronos)