MARTA RUSSO: GIUDICE APPELLO, NOSTRO LAVORO RESTA VALIDO
MARTA RUSSO: GIUDICE APPELLO, NOSTRO LAVORO RESTA VALIDO
PLOTINO, GERACI POTEVA ESPRIMERE UN MAGGIORE RISPETTO

Roma, 7 dic. - (Adnkronos) - ''Piena fiducia'' nei giudici della Suprema Corte, sebbene a suo giudizio ''rimanga valido l'impianto complessivo della sentenza della Corte di Assise di Appello e il lungo, scrupoloso e tormentoso lavoro svolto''. Franceso Plotino, presidente della Corte d'Assise d'Appello di Roma che ha condannato Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone per l'omicidio colposo di Marta Russo, commenta cosi' all'Adnkronos l'annullamento con rinvio della sentenza disposto dalla Cassazione.

''Sarebbe stato inoltre auspicabile -osserva il giudice- che il sostituto procuratore generale avesse espresso un maggiore rispetto verso il nostro lavoro''. Plotino si dice ''sicuro che la sentenza sara' motivata nel modo migliore, anche se solo dopo il deposito della motivazione sara' possibile un'analisi completa dei motivi che hanno portato all' annullamento della sentenza della Corte d'Assise di Appello di Roma''.

''Tali motivi -aggiunge Plotino- sono del tutto diversi da quelli enunciati dal sostituto procuratore della Cassazione. A a mio giudizio, la Corte Suprema non ha posto in dubbio ne' la logicita' ne' la coerenza della sentenza della Corte di Assise di Appello limitandosi a chiedere una nuova valutazione delle risultanze processuali concernenti gi imputati. Si fara' luogo dunque ad un nuovo giudizio nel quale gli imputati, che rimangono tali, potranno essere condannati o assolti. Non e' esatto pertanto dire che la Cassazione abbia riconosciuto l'innocenza degli imputati''.

(Gdd/Rs/Adnkronos)