MARTA RUSSO: I GENITORI, FERRARO NON NOMINI NOSTRA FIGLIA
MARTA RUSSO: I GENITORI, FERRARO NON NOMINI NOSTRA FIGLIA
IL PADRE, POTREBBERO ANCORA OTTENERE L'ERGASTOLO

Roma, 7 dic. - (Adnkronos) - ''Ferraro non nomini Marta. Aspettiamo di leggere le motivazioni della Cassazione ma ci batteremo fino in fondo per avere la giustizia, in nome di Marta''. Troppo tardi, per Donato e Aureliana Russo, i genitori della studentessa uccisa nel maggio del '97 all'universita' 'La Sapienza' di Roma, pensare ad un dialogo pacato con Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone.

''Avrebbero dovuto pensarci prima -incalza Donato Russo in una conferenza convocata nello studio dell'avvocato Luca Petrucci- E invece si sono sempre dichiarati innocenti. Ma parliamoci chiaro due persone che sono innocenti non usano sotterfugi, non chiedono di stare separati in carcere per paura di essere scoperti, intercettati. E comunque troppo tardi'', non si stanca di ripetere.

Ferraro poco fa si era detto felice che finalmente fosse stata riconosciuta la sua ''innocenza dai giudici togati''. ''Per noi -incalzano Donato e Aureliana sono ancora colpevoli. Hanno cambiato l'alibi e lo hanno rivoltato tante volte. La Cassazione non li ha assolti ha soltanto detto che va rifatto il processo. Scattone e Ferraro -afferma chiaramente Donato- potrebbero ancora ottenere l'ergastolo''. (segue)

(Dav/Rs/Adnkonos)