CRIMINALITA': VESCOVO LAMEZIA, ISOLARE LE COSCHE MAFIOSE
CRIMINALITA': VESCOVO LAMEZIA, ISOLARE LE COSCHE MAFIOSE
IN MILLE AI FUNERALI DELL'AVVOCATO CIRIACO UCCISO IN UN AGGUATO

Lamezia Terme, 3 mar. (Adnkronos) - In un clima di profonda commozione oltre mille persone hanno partecipato, questo pomeriggio, ai funerali dell'avvocato Torquato Ciriaco, ucciso in un agguato di stampo mafioso la sera di venerdi'. Quasi l'intera citta' si e' stretta attorno ai familiari dell'ucciso. Ed il vescovo, nell'omelia, ha rivolto un appello alle istituzioni perche' ''sul territorio si avvii un supplemento di vigilanza delle forze dell'ordine, per frenare e ridimensionare velleita' proprie della cultura della morte fisica e morale''.

Monsignor Vincenzo Rimedio ha poi rivolto un appello all'avvocatura lametina perche' continui nel lavoro ''a favore della giustizia che e' fondamento di civile convivenza''. Monsignor Rimedio, poi, non ha negato che a Lamezia nel suo comprensorio ''c'e' la piaga della mafia. Non e' invincibile -ha aggiunto- se prevale la volonta' in tutti di liberarsene, se si organizza la speranza fondandola sul totale isolamento delle cosche, se si da' piu' spazio alla cultura, alla solidarieta' e all'occupazione. Lamezia deve sollevarsi''.

''Uniamo -e' l'appello del vescovo- le forze positive: della Chiesa, delle istituzioni, dei cittadini lametini nella maggioranza onesti e laboriosi per un passo in avanti, in modo da dimenticare le ripetute storie di sangue, che sorga una vera primavera di serenita', di sicurezza per tutti''.

(Prs/Gs/Adnkronos)