PASQUA: ALLEVATORI SARDI, BOICOTTARE CARNE DA PENISOLA
PASQUA: ALLEVATORI SARDI, BOICOTTARE CARNE DA PENISOLA
IN RIVOLTA CONTRO IL BLOCCO BESTIAME 'VACCINATO E SANO'

Cagliari, 13 mar. - (Adnkronos) - ''La misura e' colma, i 50.000 allevatori sardi torneranno in piazza, stufi di promesse non mantenute e bloccheranno l'arrivo delle carni dalla Penisola.'' E' la forma di protesta annunciata questa mattina dalle organizzazioni regionali di categoria Coldiretti, Cia e Confagricoltura.

''Per anni gli allevatori del nord Italia sono venuti in Sardegna ad acquistare il nostro bestiame - hanno scritto Coldiretti, Cia e Confagricoltura in un documento - per ingrassarli nelle loro stalle, macellarli e quindi offrire ai cittadini della penisola una carne di qualita' sarda. I consumatori sardi, invece, non sanno cosa consumano e da dove arriva la carne. Fino ad oggi gli allevatori hanno accettato tutto, anche la vaccinazione, speranzosi dopo tre anni di poter reimbarcare il bestiame per la penisola. Ma tutto questo viene vietato dal ministro della Salute Sirchia che con un decreto blocca il bestiame in Sardegna, blocca il reddito degli allevatori e disintegra l'economia zootecnica sarda.''

''A Pasqua si mangera' carne di bovini e ovini sardi - hanno dichiarato gli allevatori - percio' bloccheremo tutti i punti sensibili di arrivo delle carni dalla penisola, fino a quando il ministro Sirchia non emaner il decreto che sblocchera' la movimentazione del bestiame vaccinato e di conseguenza sano. Abbiamo fatto tutto quello che ci e' stato imposto di fare e adesso vogliamo essere liberi di vendere e di tornare sul mercato.''

(Aca/Zn/Adnkronos)