UE: PRODI, SERVONO REGOLE COMUNI PER LE POLITICHE ECONOMICHE
UE: PRODI, SERVONO REGOLE COMUNI PER LE POLITICHE ECONOMICHE
CODICE DI CONDOTTA SARA' PRESENTATO A VERTICE BARCELLONA

Bruxelles, 13 mar. - (Adnkronos) - Un codice di condotta comune per rafforzare il coordinamento tra le politiche economiche nazionali. Il documento, secondo fonti della Commissione UE, verr presentato e discusso in via informale domani alla riunione dei 15 ministri finanziari, alla vigilia del Vertice di Barcellona del 15 e 16 marzo. L'iniziativa nasce dal fatto, come dichiarato dallo stesso Prodi, che "abbiamo gi gli strumenti per coordinare queste politiche" grazie al patto di stabilit, ma questi "devono diventare pi efficaci" attraverso l'adozione di "un insieme di regole e standards comuni" che consentano ci "migliorare la coerenza e la prevedibilit della politica economica in tutta la zone dell'euro" e quindi "rafforzare la stabilit e la crescita".

Il codice di condotta permetter innanzitutto di "dare risposte adeguate agli andamenti ciclici e agli shock dell'economia e di superare i problemi degli anni '80 che hanno portato all'insostenibilit di alcuni sistemi economici". Prodi ha sottolineato che " proprio nei periodi espansivi" che necessario usare al meglio le politiche di bilancio "per prevenire i periodo negativi". A tal fine le nuove regole comuni diranno a ciascun governo come sfruttare le fasi di crescita, visto che attualmente "il patto di stabilit non d indicazioni sul comportamento da tenere nei periodi espansivi del ciclo". In secondo luogo, verr rafforzato il coordinamento delle politiche fiscali sotto diversi aspetti, come ad esempio la valutazione della "distanza dall'equilibrio di bilancio". In terzo luogo, i nuovi standards permetteranno di esaminare la "situazione delle finanze pubbliche nel medio e nel lungo periodo, tenendo conto anche dell'invecchiamento della popolazione", superando cos l'attuale limite del patto di stabilit che consente semplicemente una valutazione di breve periodo.

(Svo/Rs/Adnkronos)