CITTA': BILLE', 'TOWN MANAGER' TRA IMPRESE E AMMINISTRAZIONE
CITTA': BILLE', 'TOWN MANAGER' TRA IMPRESE E AMMINISTRAZIONE
'FEDERALISMO NON RIPROPONGA FOTOCOPIE MOLOCH BUROCRATICO'

Milano, 19 mar. (Adnkronos) - Un 'town manager' per lo sviluppo delle citta'. Una persona ''che possa coordinarsi con i vari assessorati e risolvere i problemi, le disfunzioni, i ritardi che possono manifestarsi in campo urbanistico''. E' quanto propone Sergio Bille', presidente di Confcommercio, al forum promosso alla Bicocca su ''Imprese commerciali e centri urbani''. Il 'Town manager' per Bille' deve diventare anche un 'ponte' tra amministrazioni e imprese commerciali che ''sono diventate ormai soggetti protagonisti della vita non solo economica ma anche sociale e culturale del centro urbano''.

''Le amministrazioni pubbliche -sottolinea infatti Bille'- non possono alzare le saracinesche delle imprese commerciali quando serve loro per incassare tasse e imposte, e poi abbassarle quando si tratta, invece, di affrontare i loro problemi e le loro esigenze''. Alla platea del forum, Bille' aveva anche illustrato la scarsa progettualita' dei centri urbani che, negli anni '70, aveva favorito progetti urbanistici ''improntati spesso alla mera speculazione edilizia'', gettando cosi' le basi di due problemi enormi dei giorni nostri: traffico e parcheggi.

Oggi, invece, la riforma federalista ''dara' un valore aggiunto all'ammodernamento di questo Paese se mettera' in piedi strutture regionali in grado di programmare e poi di gestire modelli di sviluppo che, da un lato, consentano di garantire piu' sicurezza ed efficienza a tutti i centri urbani e dall'altro consentano lo sviluppo economico e la produzione di una maggiore ricchezza''. Ma, avverte Bille' ''se avessimo tante fotocopie, quante sono le Regioni, di quel moloch burocratico contro cui fino ad oggi il mondo economico e, in particolare, quello della distribuzione ha cercato di lottare in ogni modo, allora di questo federalismo non sapremmo proprio che farcene''.

(Cri/Pe/Adnkronos)