ELETTRICITA': TEMPI STRETTI PER LO SBLOCCA-CENTRALI
ELETTRICITA': TEMPI STRETTI PER LO SBLOCCA-CENTRALI
MARZANO, GOVERNO NON PRESENTERA' EMENDAMENTI

Roma, 19 mar. (Adnkronos) - Tempi stretti per il decreto sblocca-centrali che oggi inizia l'esame alla Camera in vista della conversione entro il 9 aprile. A giudizio del presidente della Commissione Attivita' Bruno Tabacci, il provvedimento potrebbe approdare in aula anche il 26 aprile prossimo. ''Gli emendamenti dovranno essere presentati entro domani alle 16 e saranno valutati entro giovedi' per andare in aula anche il 26 aprile se il presidente Casini sara' d'accordo. Ci organizzeremo in modo che il decreto possa andare alle altre commissioni per i pareri di competenza, venerdi' mattina'' ha spiegato Tabacci al termine della prima riunione della Commissione questa mattina.

''Il provvedimento dovra' essere varato piu' o meno cosi' com'e': se ci sono emendamenti non aggiuntivi che meglio chiariscono non ci sono difficolta' ma solo preoccupazioni per i tempi'' ha aggiunto Tabacci precisando che per altri temi e' in arrivo ''un provvedimento organico che il governo presentera' nel giro di 60 giorni'' e sul quale il Parlamento potrebbe ''fornire principi e indirizzi'' anche alla luce delle indicazioni emerse dall'indagine conoscitiva sull'energia e, ha detto Tabacci, dalle decisioni di Barcellona che segnano ''un passo avanti ma meno decisivo di quello che aspettavamo''. Il compromesso raggiunto -ha detto- e' di profilo piu' basso rispetto alle attese, forse per tener conto delle elezioni in Francia.

Da parte sua il ministro Marzano dopo aver illustrato il provvedimento ha spiegato che il governo non presentera' emendamenti al decreto sblocca-centrali. ''Speriamo che venga convertito senza troppe modifiche'' ha osservato Marzano spiegando che molti temi 'caldi' sul fronte energetico saranno affrontati ''in un disegno di legge di iniziativa parlamentare''.

(Ccr/Pe/Adnkronos)