ASSICURAZIONI: IMPRESE SI FIDANO, MA CON RISERVA (2)
ASSICURAZIONI: IMPRESE SI FIDANO, MA CON RISERVA (2)

(Adnkronos)- Esiste poi un sottile 'malessere', generato dal fatto che le compagnie, per il 39% degli intervistati, pensano piu' a vendere i propri prodotti che ad offrire un servizio. Per quanto riguarda una possibile evoluzione di tale giudizio nel tempo, il campione si divide pressoche' equamente in tre gruppi: per una parte il rapporto con le compagnie e' migliorato, circa un terzo degli intervistati lamenta invece un calo di fiducia, dovuto a un abbassamento del servizio offerto o ad un peggiore rapporto qualita' prezzo; per il rimanente terzo il rapporto non e' mutato.

Dall'indice si evidenzia poi come la situazione non sia omogenea tra le imprese: piu' soddisfatte risultano le imprese del Nord Ovest, seguite da quelle del Centro Italia, mentre i rapporti piu' problematici riguardano le imprese del Sud e del Nord Est. Se si passa a un confronto con altre realta' assimilabili, si scopre che a godere della estrema fiducia delle imprese e' la Banca d'Italia (52%), seguita dalla assicurazioni e dalle banche (allineate al 21%), dalle poste (20%), dalla Borsa (12%) e dalle societa' finanziarie (95).

Nel confronto invece con altre figure professionali gli assicuratori, col loro 17%, godono di una fiducia inferiore rispetto ai commercialisti (36%), rispetto ai consulenti del lavoro (33%) e agli avvocati (21%). I commercialisti, in particolare, risultano godere della fiducia quali consulenti a tutto tondo, anche in campo assicurativo.

(Red-Cri/Lr-Pe/Adnkronos)