AUTOTRASPORTO: UPA, RESPINGE IL DECRETO SUL 'BONUS'
AUTOTRASPORTO: UPA, RESPINGE IL DECRETO SUL 'BONUS'
'TENSIONE NELLA CATEGORIA FERMO RESTA SOSPESO PER SENSO RESPONSABILITA'

Padova, 21 mar. (Adnkronos) - Gli autotrasportatori dell'Upa respingono senza appello il decreto sul recupero del bonus fiscale relativo agli anni '92-94 varato lunedi scorso dal governo ma sospendono le proteste indette per senso di responsabilita'.''La situazione politica richiede il massimo senso di responsabilita''' afferma Giorgio Paccagnella, presidente degli autotrasportatori dell'Unione Artigiani-Confartigianato di Padova. ''Ma - avverte- su tutto il resto, ed in primis sul decreto legge che stabilisce le modalit per il recupero del bonus fiscale concesso al settore tra il '92 ed il '94, contrapposizione dura tra il Governo e la categoria''.

Due i motivi alla base del 'no' al decreto: ''Innanzitutto siamo convinti che richiedere di restituire il bonus che ci era stato concesso in forza di una legge dello Stato sia quanto meno arbitrario. In secondo luogo, comunque, -sottolinea Paccagnella- abbiamo accettato di cercare assieme all'esecutivo una soluzione che potesse da un lato soddisfare la richiesta della Ue di reincamerare il bonus e dall'altra di non gravare nelle gi deficitarie casse delle nostre imprese''.

''Invece -prosegue il leader degli autotrasportatori dell'Upa- il decreto esclude addirittura le organizzazioni degli autotrasportatori dalla possibilit di gestire e rappresentare correttamente le posizioni dei singoli imprenditori. Su questo, purtroppo, ci siamo trovati in disaccordo con altre organizzazioni del settore ed il rischio, a questo punto, quello di aggravare e complicare una situazione di tensione che si sta trascinando da troppo tempo e che ritengo avremo modo di verificare gi domani, venerd, dal momento che convocato il consiglio di categoria qui a Padova e poi sabato nel corso della manifestazione di Vicenza. In quelle sedi vedremo anche di valutare la proposta del presidente della Confartigianato Trasporti nazionale, Elio Cavalli, per una nostra uscita dal Comitato Unitario delll'Autotrasporto (Cuna)''.

(Red-Dac/Pe/Adnkronos)