ECONOMIA: SVIMEZ, NEL 2002 PIL A +1,5%, SUD RIDUCE DIVARIO
ECONOMIA: SVIMEZ, NEL 2002 PIL A +1,5%, SUD RIDUCE DIVARIO

Roma, 21 mar. (Adnkronos) - La crescita del pil nel 2002 si attestera' all'1,5% con un rallentamento dello 0,3% rispetto al 2001. A livello regionale ci sara' un allineamento dell'andamento dell'economia con una crescita nel mezzogiorno dell'1,4% e nel centro-nord dell'1,5%. Ad avanzare la pervisione e' lo Svimez che oggi ha presentato il rapporto sull'andamento dell'economia delle regioni italiane. Positiva la performance del mezzogiorno in rapporto a quella del centro-nord, anche se continua a presentare aspetti che costituiscono uno specifico elemento di debolezza strutturale: l'integrazione economica internazionale.

Nel mezzogiorno infatti -si legge nel rapporto dello Svimez- solo l'8,5% del valore aggiunto totale e' attivato dalla domanda proveniente dalle altre circoscrizioni del paese. Nel nord-ovest la percentuale e' del 13,5%, nel nord-est del 16,3% e nel centro del 19,6%. Le proiezioni segnalano una ripresa della produttivita' territorialmente differenziata a favore del mezzogiorno +0,9% contro +0,3% del contro-nord. Si continua a registrare una congiuntura sfavorevole per il valore aggiunto nell'industria in senso stretto, che passa dallo 0,6% del 2001 a -0,3% per il centro-nord, e dall'1,7% dell'anno precedente allo 0,9% nel mezzogiorno. Complessivamente in Italia si passa dallo 0,8% nel 2001 a -0,1% per quest'anno. (segue)

(Stg/Pe/Adnkronos)