INFLAZIONE: UNIONCAMERE, DA APRILE PREZZI IN DISCESA (2)
INFLAZIONE: UNIONCAMERE, DA APRILE PREZZI IN DISCESA (2)

(Adnkronos) - In prospettiva, le tendenze per l'inflazione rimangono comunque in flessione: come conseguenza di un ciclo di domanda debole, di quotazioni delle materie prime stabili sui livelli della seconda meta' del 2001 e della moderazione salariale. Dal 2,5% di febbraio, si dovrebbe scendere sotto al 2% in giugno, chiudendo l'anno con un'inflazione all'1,5%. Giova sottolineare che l'inflazione al netto dei prodotti energetici e del fresco alimentare ha gia' iniziato a rallentare passando da valori prossimi al 3% della seconda meta' del 2001 al 2,7% in febbraio.

Nei prossimi mesi un marcato rallentamento dell'inflazione e' atteso anche nei servizi privati, dove la debolezza della domanda di consumo esercitera' il suo effetto piu' rilevante. Anche pre i prodotti non alimentari, il secondo trimestre dell'anno sara' foriero di un generale raffreddamento delle dinamiche dei prezzi al consumo: dal 2% attuale, si prevede che l'inflazione, a fine anno, scenda attorno all'1%. Un ruolo importante nel processo disinflazionistico sara' assolto dai prezzi dei prodotti alimentari, in particolare dalla componente non fresca: il confronto con la fase di forte aumento della prima meta' del 2001 dovrebbe di per se' garantire un deciso ridimensionamento dei saggi di crescita. Nei prossimi mesi lo shock sui prezzi dell'ortofrutta e' destinato a rientrare: dal 4,2% di febbraio l'inflazione alimentare tendera' a scendere rapidamente sino a portarsi in prossimita' dell'1,5% a dicembre.

(Rem/Pn/Adnkronos)