FEDERALISMO: FIUMI, NO CONSULTA A RICORSO GOVERNO CONTRO FRIULI
FEDERALISMO: FIUMI, NO CONSULTA A RICORSO GOVERNO CONTRO FRIULI
RESTA IL LIMITE MINIMO SU DEFLUSSO STABILITO DA REGIONE

Trieste, 22 lug. - (Adnkronos) - Il deflusso minimo vitale dei fiumi in Friuli-Venezia Giulia resta di quattro litri al secondo per chilometro quadrato. Lo ha stabilito la Corte costituzionale, che ha dichiarato la ''manifesta inammissibilita' della questione di legittimita' costituzionale'' sollevata dal Governo in merito alla legge regionale 28 del 2001 in attuazione del dlgs 152/199, che regola il deflusso minimo vitale delle derivazioni d'acqua.

Il governo aveva eccepito che la materia regolata dalla legge regionale era di esclusiva competenza statale in quanto, secondo quanto stabilito dall'articolo 117 della Costituzione, si trattava di tutela dell'ambiente e dell'ecosistema. La Regione ha pero' difeso la propria legge, affermando che sarebbe arbitrario utilizzare per la valutazione di legittimita' costituzionale l'articolo 117, che pone limiti alle potesta' delle Regioni a statuto ordinario, non a quelle a statuto speciale come il Friuli. La Regione, poi, ha sostenuto che la legge e' rivolta a favorire la piena operativita' della disciplina europea in questa materia. (segue)

(Afv/Pn/Adnkronos)