CACCIA: UNA, LOBBY DELLE ARMI AL LAVORO IN PARLAMENTO
CACCIA: UNA, LOBBY DELLE ARMI AL LAVORO IN PARLAMENTO

Milano, 30 lug. - (Adnkronos) - ''Evidentemente la lobby delle armi ha una notevole influenza sul governo e sul parlamento, riuscendo addirittura a stravolgere l'ordine dei lavori parlamentari in favore della legge sulla caccia''. E' il commento del movimento ecologico nazionale ''Uomo natura animali'' a proposito del ddl per la ''tutela della fauna selvatica e del prelievo venatorio'' a cui, come spiega l'Una, ''solo per un soffio -la fine dei lavori parlamentari in vista della chiusura estiva- non e' stato dato il via libera''.

Dietro il nuovo ddl, secondo il movimento, si nasconde ''il tentativo di allargare le maglie gia' ampie della legge sulla caccia in vigore. Da settembre, con l'eventuale approvazione, decine di milioni di piccoli uccelli come fringuelli, passeri, storni e peppole verrebbero barbaramente massacrati in nome del federalismo''. Il progetto di legge si propone di dare la liberta' a ciascuna Regione nel decidere le specie cacciabili ed eventuali estensioni del calendario venatorio, con deroga alla direttiva Cee 409 del 1979 che invece prevede la protezione della fauna selvatica.

''In barba alla maggioranza degli italiani che si e' dichiarata nettamente contraria ad ogni tipo di caccia -sostiene il presidente dell'Una, Ebe Delle Fabbriche- il governo e il parlamento vanno nella direzione opposta legiferando per una totale deregulation. Ma daremo battaglia a tutto campo non escludendo anche un referendum nazionale oltre che nelle diverse regioni''.

(Cmp/Idb/Adnkronos)