IMMIGRATI: MONS. CANTISANI, LEGGE TRADISCE COSTITUZIONE (2)
IMMIGRATI: MONS. CANTISANI, LEGGE TRADISCE COSTITUZIONE (2)

(Adnkronos) - L'arcivescovo di Catanzaro rimarca anche che ''e' mortificante che in un paese democratico ci sia chi attacca gratuitamente e violentemente un Pastore che da' un giudizio sulla legge. E' un diritto di ogni cittadino!''. Infatti per mons. Cantisano ''solo chi e' schiavo di pregiudizi puo' accusare la Chiesa di non volere una legge che regoli il fenomeno, necessaria anche nell'interesse degli immigrati. Ma ci sono leggi e leggi'', puntualizza.

Il diritto di parola anche dei vescovi ''viene esercitato proprio dalla fedelta' allo Stato, perche' esso promuova per le sue finalita' ogni persona i piu' deboli in particolare. Ed e' semplicemente assurdo pensare che si voglia l'invasione del paese o si cerchi comunque di favorire la clandestinita'''. Per il prelato c'e' ''il dubbio'' che la legge approvata possa favorirla anziche' eliminarla.

Per questo anche se la legge ''c'e' e va osservata'' tuttavia ''occorre adoperarsi per migliorarla con tutti gli strumenti che la democrazia offre''. ''Contera' molto -conclude- lo spirito di umanita' con cui sara' applicata'' e l'impegno dei cristiani, visto che, tra l'altro, un terzo degli immigrati in Italia e' cattolico.

(Mbr/Zn/Adnkronos)