RAI: VAN DE SFROOS, MAI STATO LEGHISTA (2)
RAI: VAN DE SFROOS, MAI STATO LEGHISTA (2)
CONTRABBANDIERI, FRONTALIERI, PESCATORI I MIEI ISPIRATORI

(Adnkronos) - Sul Lago, al confine con la Svizzera, il giovane Davide (che oggi ha 37 anni) ha incontrato e conosciuto contrabbandieri, frontalieri, pescatori e tanta, tanta gente comune dai quali ha attinto per realizzare le sue canzoni agli inizi degli anni '90 dopo un esordio, come tanti negli anni '80, dedicato al rock, al punk ed ai cantautori italiani. ''Le mie -sottolinea Van De Sfroos- sono quindi soprattutto canzoni di ricordi, racconti dei vecchi del mio paese che ho voluto riproporre per non perdere le radici. Il dialetto mi e' sempre piaciuto, cosi' come mi piaciono tutti i dialetti italiani e del mondo. Non per questo pero' -tiene a sottolineare- mi si puo' applicare una appartenenza politica''.

''Tutto questo parlare attorno ad una mia presunta vicinanza alla Lega comincia a darmi fastidio -insiste Van De Sfroos- mentre sono invece contento d'aver creato un'isola musicale dove tutti possono ritrovarsi, da qualsiasi parte provengano: nord, sud, est, ovest. In ogni caso pero' -continua- non mi faccio problemi se vengo chiamato a Radio Padania o a Radio Popolare, come e' successo nei mesi passati. Io porto le mie canzoni dove mi chiamano e il dialetto puo' si' piacere ai leghisti, ma anche ai comunisti, a uomini di destra cosi' come a uomini di sinistra, a operai ed a liberi professionisti''.

Quanto all'articolo ampiamente elogiativo apparso oggi sull'organo ufficiale della Lega, il quotidiano ''La Padania'': ''Se scrive cose entusiastiche nei miei confronti perche' canto lombardo ne sono ovviamente lieto ma -osserva Van De Sfroos- non e' un problema mio''.

(Ros/Pe/Adnkronos)