SCUOLA: ULIVO BOCCIA MORATTI, A SETTEMBRE IL CAOS
SCUOLA: ULIVO BOCCIA MORATTI, A SETTEMBRE IL CAOS
MANCINO, GRAVI RILIEVI DI COSTITUZIONALITA' SU DDL DELEGA

Roma, 31 lug. - (Adnkronos) - Il disegno di legge delega di Letizia Moratti solleva ''gravi rilievi di costituzionalita''', non ha ''alcuna copertura finanziaria'' come confermato dal ministro Tremonti e il decreto sulla sperimentazione preparato dalla ministra costituisce ''un grave tentativo di aggirare il Parlamento'' oltre alle conseguenze ''caotiche'' che provochera' da settembre nelle scuole. Questo il giudizio fortemente critico tracciato oggi dall'Ulivo sul primo anno di gestione della scuola da parte della Moratti.

Riuniti nell'Aula Rossa di Palazzo Madama con la partecipazione dell'ex presidente del Senato, Nicola Mancino, i parlamentari Chiara Acciarini, Bettina Soliani, Fiorello Cortiana ed Enzo Carra hanno lamentato in particolare la mancata applicazione della riforma dei cicli di Berlinguer, ''legge 30 dello Stato tuttora vigente'' hanno sottolineato, e la ''scarsa cultura parlamentare'' della Moratti che finora non ha affrontato una discussione in Parlamento sul progetto da lei caldeggiato.

Per Mancino sulla scuola ''l'esecutivo si sovrappone alla stessa maggioranza''. ''Il ddl della Moratti -ha detto l'ex presidente del Senato- entra in conflitto sia con l'art. 76 sulle deleghe sia con il nuovo Titolo V della Costituzione: e' il Parlamento che stabilisce criteri e principi su materie cosi' complesse''. (segue)

(Mbr/Zn/Adnkronos)