TEATRO: MARTONE, RITORNO IN SCENA CON LA 'SOLITUDINE' DI KOLTES
TEATRO: MARTONE, RITORNO IN SCENA CON LA 'SOLITUDINE' DI KOLTES
IL TEATRO ROMA? ESPERIENZA FONDAMENTALE, IRRIPETIBILE

Roma, 7 ott. - (Adnkronos) - ''L'esperienza al Teatro di Roma? Fondamentale, unica, irripetibile. Anni di fermento e creativita', di straordinaria vitalita' collettiva''. Cosi' ha detto Mario Martone, ex direttore artistico del Teatro di Roma, dimessosi nel 2000 ''per incompatibilita' artistica con i progetti del cda'', che ritorna nella capitale domani, in veste di autore e regista de 'Nella solitudine dei campi di cotone', installazione-labirinto liberamente ispirata all'opera di Bernard-Marie Koltes in scena a Roma (Auditorium di Via Merulana), nell'ambito della rassegna 'Le vie dei festival'. Voci recitanti Carlo Cecchi e Claudio Amendola.

La piece e' stata prodotta da Radio3 nel 1998 per il ciclo 'Teatri alla radio' diretto da Luca Ronconi. ''Un'opera particolare che ha come campo d'azione l'ascolto radiofonico -precisa ancora Martone- Dopo le migliaia di spettatori all'Argentina per 'I dieci comandamenti' di Viviani una sfida diversa. Una messa in scena da camera per pochi spettatori. Perche' nel mio lavoro non amo fossilizzarmi, cristallizzarmi...E poi le installazioni mi riportano alle mie origini -spiega ancora Martone- Ho cominciato a 17 anni facendo attraversare 'luoghi' dagli spettatori''. (segue)

(Cap/Pe/Adnkronos)