FIAT: FASSINO, APPROSSIMATIVE E SUPERFICIALI PRIME MOSSE GOVERNO(2)
FIAT: FASSINO, APPROSSIMATIVE E SUPERFICIALI PRIME MOSSE GOVERNO(2)
NO A STATO IMPRENDITORE, CURIOSO PROPORLO MENTRE SI PRIVATIZZANO OSPEDALI

(Adnkronos)- Quale la 'ricetta' del leader diessino epr salvare il gruppo dell'auto? ''Innazitutto diciamo che vive la crisi piu' grave mai conosciuta, ma puo' uscirne. Diamo intanto un segnale di fiducia. Se puo' farcela -spiega Fassino- va messo in campo tutto quel che e' necessario facendo ciascuno la propria parte''. A cominciare dalla Fiat stessa che ''deve presentare un piano industriale che sia credibile nelle sue prospettive, indicando ua strategia di risalita. L'ultima cosa che serve e' la lenta gestione di un declino''. Piuttosto la soluzione passa per la famiglia Agnelli che deve ''fare la propria parte mettendo a disposizione le risorse necessarie. Lo ha fatto sempre, continui a farlo'' esorta il leader dei Ds.

Occorre ''privilegiare il core business, rispetto all'insieme delle risorse finanziarie che ha''. ''Prima di decidere che bisogna alineare la Fiat o l'Iveco forse si deve pensare a vendere la societa' di assicurazioni''. Per Fassino inoltre non serve ''uno Stato che torna a fare l'imprenditore, sarebbe paradossale'' e ''sarebbe curioso che si pubblicizzasse la Fiat nel momento in cui c'e' qualcuno che propone la privatizazzione degli ospedali''.

(Sec-Ccr