NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (2)
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (2)

Roma. Volevano rapinare un centro scommesse, nel quartiere di San Basilio a Roma. Ma sono stati notati da un agente della Polizia in borghese, intervenuto immediatamente. Ne e' seguito un conflitto a fuoco: due banditi sono morti, il terzo e' riuscito a fuggire, ma probabilmente e' ferito. Sono ora in corso le operazioni per accertare l'identita' delle due vittime, quasi sicuramente italiani. Per l'agente e' in arrivo un riconoscimento.

Palermo. Una delle prime 'vittime' dell'eruzione anomala dell'Etna e' l'impianto di risalita dello ski-lift di Piano Provenzana, andato completamente distrutto dalla lava che continua a scendere verso la zona del parcheggio. Il fronte lavico ha gia' invaso, nelle ultime ore, le piste da neve e travolto i pali degli ski-lift. Il fronte piu' avanzato e' a circa duecento metri dal posteggio di Paino Provenzana, utilizzato ogni domenica di migliaia di escursionisti, e, d'inverno, da sciatori.

Palermo. Quattro elicotteri sorvolano da questa mattina la zona interessata dall'eruzione anomala dell'Etna. I responsabili dell'unita' di crisi attivata presso la Prefettura di Catania, sono in continuo contatto con i velivoli per aggiornare, momento dopo momento, l'evoluzione del fenomeno lavico. Intanto, sono state attivate, questa mattina, cinque centri operativi comunali, coordinati dalla stessa Prefettura: Linguaglossa, Randazzo, Zafferana Etnea, Nicolosi e Fiumefreddo. ''Stiamo tentando -ha spiegato Vanni Cali', direttore della Protezione civile di Catania- di impedire l'accesso automobilistico in tutte le strade che arrivano nei paesi interessati dal fenomeno''. Sono, infatti, numerosi i curiosi che hanno cercato di avvicinarsi al fronte lavico.

Roma. Un piccolo esercito destinato ad aumentare. Sono gli alunni stranieri che affollano le aule delle scuole italiane. Un esercito che in un anno e' aumentato di 35 mila unita', raggiungendo un totale di 181.767 unita', suddivisi dalle materne alle superiori. Ancora pochi rispetto alla presenza media di altri paesi europei, come Gran Bretagna, Germania, Francia e Olanda, ma comunque una presenza significativa se si pensa che solo dieci anni fa in Italia gli studenti immigrati erano appena 25 mila. La loro presenza sul territorio non e' omogenea, la maggior parte, infatti, con oltre il 66%, risiede nelle regioni settentrionali, il 23,32% al Centro e il 10,11% al Sud. (segue)

(Sin/Rs/Adnkronos)